La ceramica Vestita di Grottaglie

La ceramica Vestita di Grottaglie

VISITA AI LABORATORI DELLA BOTTEGA E AD ALCUNE DIMORE TRAZIONALI DEL QUARTIERE DELLE CERAMICHE.

Evento a contributo aperto a tutti.

Il FAI Giovani Bari organizza, sabato 13 maggio 2017, una visita ai laboratori dell’antica Bottega Vestita di Grottaglie e ad alcune dimore storiche del quartiere delle Ceramiche: Casa Vestita e Casa Sgobbio.

Il Codex, il colonnato quattrocentesco, la cripta bizantina, i giardini segreti e fantastici di epoca medievale, le ceramiche invetriate racchiudono elementi simbolici e carichi di significato. Sospesa tra recupero della storia e tradizione popolare, architettura colta e design artigianale, la Bottega Vestita, recupera saperi antichi e cultura popolare.
A partire dal frammento ceramico, custode della memoria del tempo, Antonio, Carmelo e Cosimo Vestita si pongono tra immaginario e tradizione nell’ottica del sogno condiviso di cambiare la realtà, alla costante ricerca di un equilibrio tra cielo e terra.

Programma della giornata:
8,45 raduno dei partecipanti presso Largo Sorrentino (alle spalle della Stazione ferroviaria) e successivamente, alle 9,00, presso l’ex Teatro Abeliano.
9,15 partenza da Bari – ex Teatro Abeliano per Grottaglie con servizio navetta FAI.
10,15 arrivo a Grottaglie, presso il parcheggio di via Caravaggio. Ritrovo per eventuali partecipanti automuniti o provenienti da Taranto e provincia.

Caffè e brioche gentilmente offerti presso Jangwa Kalahari.
Il tempo lento di Grottaglie.

10,45 Visita dell’antica Bottega Vestita e del giardino di Casa Vestita
Conversazione con Antonio Vestita, ingegnere e ceramista, su “Riflessi di bellezza. L’uso della ceramica in architettura. Dall’architettura fittile alle sperimentazioni di Vittorio Chiaia”.

Dimostrazione al tornio del maestro Carmelo Vestita. “Segno e materia, diventano codici complessi e misteriosi che fluttuano sulle note dei Derwish danzanti che ruotano come il tornio del ceramista”.

“Il giardino segreto di casa Vestita e il ritrovamento della cripta bizantina”. Il maestro Cosimo Vestita ci accompagnerà tra le meraviglie dell’antico forno tra storia, arte e cultura artigianale.

13.30 Pausa pranzo presso La Nicchia al prezzo speciale FAI di circa € 10,00 (facoltativo). In alternativa pranzo al sacco.

15,00 Antonio Vestita. Il mosaico parietale di Casa Sgobbio tra simbolismo e manualità artigianale.

Grottaglie come altrove
Il centro antico di Grottaglie e il Castello Episcopio.

19,00 Raduno dei partecipanti presso il parcheggio di via Caravaggio e rientro previsto in serata.

Tutti i partecipanti riceveranno in dono un prezioso oggetto della Bottega Vestita realizzato appositamente per il FAI Giovani Bari e usufruiranno di uno speciale sconto FAI del 20% su tutti gli acquisti.

La quota di partecipazione è comprensiva di un caffè break di benvenuto, della copertura assicurativa e del servizio navetta a/r Bari-Grottaglie.
La quota non comprende il pranzo e le bevande.
In concomitanza dell’evento, coloro che hanno un’età compresa tra i 18 e i 35 anni potranno, se vogliono, iscriversi al FAI al prezzo agevolato di € 15,00 e rinnovare, allo stesso prezzo, la propria tessera. L’iscrizione è facoltativa.

Tutte le tappe indicate sono comodamente raggiungibili a piedi. Per raggiungere il laboratorio della Bottega Vestita sono previste una leggera pendenza e una scalinata. Tutti i percorsi sono adatti anche per famiglie.

€ 15,00 per iscritti FAI
€ 20,00 per i NON iscritti al FAI.

Prenotazione obbligatoria esclusivamente c/o i Punti FAI e FAI Giovani a Bari:

Guido Catalano in tour

Teatro Impero 13 maggio 2017

Guido Catalano in tour

Maruggio 13 maggio 2017 ore 21

A 17 anni ho deciso che volevo diventare una rock star. Poi ho capito che forse non ce la facevo e ho ripiegato su poeta professionista vivente, che c’erano più posti liberi.

Guido Catalano ha 45 anni, è nato a Torino e di mestiere fa il poeta, nel senso che la poesia è il lavoro con cui si mantiene.

Quasi ogni sera Catalano è in giro per l’Italia, in librerie, birrerie, piccoli teatri, con spettacoli dal vivo più simili al cabaret che a veri e propri reading di poesia, che sono quasi sempre esauriti. La cosa è molto anomala perché in Italia, ma non solo, i libri di poesia vendono pochissimo e i poeti non fanno spettacoli. Catalano – che scrive quasi sempre d’amore in versi liberi e usa l’umorismo come chiave per arrivare al pubblico – è accusato di rappresentare la «deriva della poesia italiana contemporanea» e, addirittura, di «fare un cattivo servizio alla poesia e alla nazione». La risposta è stata farsi stampare magliette con la scritta «criminale poetico seriale» e sfottere i poeti laureati, forte del suo seguito su Facebook e Twitter e dell’attenzione che gli dedica – forse anche in quanto torinese –Tuttolibri, la rubrica dei libri della Stampa.

Le navi da crociera Thomson Spirit approdano a Taranto

Le navi da crociera Thomson Spirit approdano a Taranto

Da Maggio a Ottobre, le navi da crociera Thomson Spirit (nave con capacità di 1.400 passeggeri e 520 membri dell’equipaggio) faranno scalo a Taranto. Come sempre, i negozi e le aziende della rete Made in Taranto non si sono fatti trovare impreparate e hanno già predisposto i primi servizi di accoglienza.

Faccio subito presente che le navi da crociera sosteranno nella nostra città per un tempo di circa 5 ore. Come descritto degli operatori delle navi Thomson, l’attenzione verte su tre aspetti principali della città:

la visita al Castello aragonese
la visita al Museo Archeologico nazionale Mar.Ta
lo shopping nella centralissima via D’Aquino

 

Taranto Castello Aragonese

Taranto Castello Aragonese

Taranto Sapor di storia

Domenica 30 Aprile 2017, a partire dalle ore 19:30, presso il Castello Aragonese di Taranto, l’associazione Ei.Em.Eventi presenta l’attesissimo sesto appuntamento di Sapor di Storia.

Immaginate…
Una sera a cena al Castello Aragonese, alla scoperta dei suoi angoli più nascosti
per rivivere insieme le emozioni che nei secoli hanno caratterizzato la storia di questo meraviglioso posto, con lo chef Salvatore Carlucci a deliziare i vostri palati e il Maestro Francesco Greco al violino.

Immaginate…
Che tutto questo sia possibile partecipando al sesto appuntamento di Sapor di Storia

Una location d’eccezione farà da cornice ad una serata imperdibile in cui cultura, tradizione e buon cibo daranno vita ad una esperienza indimenticabile, lì dove la storia della nostra città è stata scritta e vissuta, lì dove tanti sono stati i colpi di cannone e tante le battaglie condotte dai Bizantini ai Saraceni a Ferdinando II d’Aragona, passando per gli Asbugo e Napoleone.

E’ proprio dalla scoperta dei misteri e delle meraviglie di Castel Sant’Angelo che Sapor di Storia partirà con il suo viaggio a ritroso nel tempo, per rivivere insieme momenti di piacevole riscoperta.

Al termine della visita guidata, alla storia raccontata si affiancherà quella “assaporata”, attraverso un percorso enogastronomico che è mix tra tradizione e innovazione a cura dello chef Salvatore Carlucci, del ristorante La Barca che ripercorrerà usi e abitudini alimentari all’epoca di Ferdinando II d’Aragona.

La cena verrà allietata del violino del Maestro Francesco Greco, tarantino doc, diplomatosi nell’istituto musicale “G.Paisiello” di Taranto, perfezionatosi alla scuola del M° Sergey Diatchenko di Roma e vincitore nel 2012 del premio internazionale “Clio2012” come musicista dell’anno.

image

Le canzoni di Tenco Francavilla Fontana

Castello Imperiali Francavilla Fontana
Sabato 29 aprile 2017
TENCO 50 “Vita, morte e canzoni di un cantautore” – DUO Buttiero Molteni
L’Incontro con la Musica …e con l’AUTORE, patrocinato dal Comune di Francavilla Fontana, organizzato da Associazione ArmoniE con la direzione artistica di Palma di Gaetano e inserito nella rassegna “ArmoniE di Primavera 2017 – IV edizione”, ricorderà il cinquantesimo anniversario della morte di un grande cantautore italiano “strappato o arreso” troppo giovane alla vita: Luigi Tenco.
Ferdinando Molteni (Voce, conduttore e chitarrista), effettuerà un vero e proprio racconto musicale, ispirato al suo recente volume L’ultimo giorno di Luigi Tenco pubblicato da Giunti. Nel corso del recital sarà raccontata la storia del cantautore attraverso le sue stesse parole, le pagine del libro e, soprattutto, le sue canzoni. Saranno eseguiti capolavori come Lontano lontano, Mi sono innamorato di te, Ho capito che ti amo e Vedrai, vedrai, canzoni meno conosciute come Ragazzo mio, inediti come la traduzione tenchiana de Le déserteur di Boris Vian, fino all’ultima “sfortunata” composizione, Ciao amore, ciao. Non solo. Lo spettacolo indagherà anche il rapporto di amicizia tra Tenco e Fabrizio De André e, non a caso, verrà eseguita anche la toccante Preghiera in gennaio, scritta da Faber in memoria di Luigi.

image

Salento Bici Tour è un’Associazione di Promozione Sociale nata nel 2011 dall’idea e dalla passione di due giovani salentini: Carlo e Francesco.

Vogliamo contribuire alla diffusione della bicicletta come mezzo di locomozione, sviluppare il cicloturismo nel Salento, stimolare una conoscenza critica del territorio e del paesaggio, sostenere e dare visibilità ad aziende e realtà locali virtuose.

Collaboriamo con Amministrazioni, Enti Locali, scuole, in progetti sulla mobilità sostenibile e di educazione ambientale.

Organizziamo escursioni guidate e viaggi in bicicletta per far gustare lentamente e con tutti i sensi – anche quelli vietati :-) – il Salento fin nei suoi angoli più nascosti.

Più in generale, ci facciamo promotori di uno stile di vita incentrato sulla riduzione dei consumi, di energia e non solo, per porre un freno all’uso smodato dell’automobile, alle offese al paesaggio, alle filosofie produttiviste che danneggiano ambiente e salute delle persone: crediamo che la bicicletta sia una delle tante chiavi che ci potranno aprire le porte di un mondo più saggio, più equo, più consapevole del limite.

Offriamo ai visitatori e alla popolazione residente la possibilità di attraversare il territorio lentamente, al passo dettato dalla propria forza, di conoscerlo o di riscoprirlo: troppe cose importanti sfuggono, nel chiuso dell’abitacolo di un’automobile, al naso, agli occhi, alle orecchie… Abbiamo l’ambizione di restituirvele!

Porto selvaggio, un angolo di paradiso!

Portoselvaggio negli ultimi anni ha conquistato le prime posizioni in numerose classifiche a lvello nazionale e internazionale. L’area, sottratta nel 1980 a un tentativo di speculazione edilizia, è stata successivamente ampliata sino alla Palude del Capitano, sito di interesse comunitario.
Affollata meta estiva per le sue acque cristalline e fresche e la sua distesa verde di pini, racchiude oltre a una natura incontaminata importanti siti archeologici tra i quali la Grotta del Cavallo, “santuario della preistoria”.
La fruibilità del parco negli ultimi anni è sensibilmente migliorata, grazie anche agli interventi del Sac Arneo Costa dei Ginepri di cui è capofila il comune di Nardò.
Intorno ai centri visite di Torre Nova e Casa del Capitano si snoda un’attività intensa di tipo naturalistico con itinerari e zone attrezzate per la sosta e bus navetta elettrici per i collegamenti dai parcheggi agli ingressi del parco e all’interno del parco stesso.

rmTorremattoni: ecco il Parco Avventura Made in Taranto!

E’ a Ginosa Marina il Parco Avventura eco-sostenibile più grande del Sud Italia, con più di 100 giochi sospesi tra gli alberi e una meravigliosa pineta.

Torremattoni è un Parco Avventura eco-sostenibile che si colloca nella splendida cornice del territorio di Ginosa Marina, in provincia di Taranto, una città che cerca il proprio riscatto, che cerca idee nuove e coraggiose, proprio come pensiamo sia la nostra.

Nello specifico, si tratta di un grande Parco Divertimenti di 20 ettari, situato in una rigogliosa pineta a pochi passi dal mare. Al suo interno si trova il Parco Avventura più grande del Sud Italia, con più di 100 giochi sospesi tra gli alberi, per un totale di 13 percorsi diversi per difficoltà (5 per bambini ed 8 per gli adulti).
E poi: il Campo Robin Hood (tiro con l’arco) e il Tree Climbing (arrampicata sugli alberi).

In più, sempre all’interno del Parco Avventura, vi è una serie di attività ludico-sportive organizzate da uno staff qualificato, in cui figurano laureandi e laureati in Scienze Motorie. Il programma settimanale delle attività è tuttora in costante ampliamento al fine di offrire eventi sportivi diversi, giochi, gare e spettacoli.

All’interno della pineta, inoltre, è presente un’area giochi libera per bambini, un campo da beach soccer (al quale si stanno aggiungendo altri campi sportivi), un’area pic-nic attrezzata, in cui è presente un barbecue di 3 metri, utilizzabile solo da un operatore del posto. Entro la fine di giugno questa area verrà illuminata e resa utilizzabile per eventi serali su prenotazione.

Le altre 2 aree che saranno disponibili a breve sono l’area fitness attrezzata e area relax.

All’interno del Parco vi è il noto Lago Salinella, piccolo lago costiero retrodunale, a ridosso della Torre Mattoni, torre antisaracena costruita nel XVI secolo a difesa delle coste ioniche dalle incursioni marine da parte dei Turchi. Tutto questo è sito nell’Area Naturale Protetta “Riserva Naturale Stornara e nell’Area Naturale Pinete dell’Arco Ionico, classificata come sito di interesse comunitario.

Per Conoscere la Puglia bisogna scoprire i suoi sapori, i profumi e i suoi colori.

Preparate i vostri palati ad accogliere sapori indimenticabili come la ricotta fresca, burrata e caciocavallo, il famoso pane cotto al forno a legna, la focaccia , le pucce e le friselle, tanto semplici quanto gustosissime. E ovviamente non potrà mancare l’olio extravergine pugliese, le orecchiette e pizzarieddi.
Una prelibatezza dopo l’altra verra’ accompagnata dagli ottimi vini locali: il Primitivo e il Negroamaro.
E come in ogni buon pasto che si rispetti, il dolce non potrà mancare: pasticciotto leccese e caffé in ghiaccio con latte di mandorla e L’ espressino.

Le Dune di Campomarino sono un complesso di dune della provincia di Taranto situate lungo la costa del comune di Maruggio, accanto alla sua frazione di Campomarino.

Le dune, estese per 41 ettari ed alte fino a 12 metri s.l.m. si sono originate circa 7500 – 3300 anni fa e sono alcune delle meglio conservate in Italia
Grazie alla loro esposizione perfettamente a sud hanno sviluppato una rigogliosa macchia mediterranea (ginepri, come arbusti di ginepro coccolone e feniceo e in forma arborea e, nelle parti più degradate, gariga a timo e elicriso. Nelle rupi a picco sul mare si trovano anche illimonio virgato e il finocchio marino.
In questo tratto di costa, nei giorni limpidi, dai punti più alti delle dune è visibile il massiccio della Sila, quello del Pollino, Porto Cesareo fino ad arrivare a Gallipoli.
Da pochi anni sono un sito di interesse comunitario. Vi è stato creato il “Parco delle dune di Campomarino”, proposto dal giugno 1995, la cui area protetta si estende lungo tutta la costa del comune di Maruggio e comprende l’habitat prioritario delle “dune grigie”. Read more

1234